Zabaione al passito di Pantelleria

P6278920
Avete presente la lavorazione dello zabaione? Siiiiii, eh lo sò anch’io! Nà bella rottura devo dire. Stai lì a girare a bagnomaria, anzi più che girare devi frullare e devi stare attenta che la temperatura sia abbastanza per pastorizzare le uova ma non troppo sennò hai la “stracciatella”!! E quindi anche se non sarà così professionale, anche se c’è già chi lo ha provato io non l’avevo mai fatto e mi devo ricredere:  è fantastico! Ma oltre ad essere ottimo è facile e veloce la cottura. Come? Ma al microonde obviously!!!:-) Con questa ricetta partecipo al contest di Pan per Focaccia “Cucina al Microonde” con Lékué. Poi ho ancora le visciole dello scorso anno e sono deliziose, alcooliche quanto basta e la consistenza è rimasta tutta oltre al sapore e quale migliore occasione per onorare questo zabaione al Passito di Pantelleria? Posso immaginare che qualcuno potrebbe aver da ridire su un tale quantitativo di calorie e che potrebbe essere più indicato d’inverno! Verissimo, però a mia discolpa posso consigliarvi di metterlo in frigo per almeno 2 ore e fare delle porzioni piccole in bicchierini da finger food.
 
Zabaione al Passito
 
Ingredienti per 4 bicchierini
 
3 tuorli
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai colmi di Passito
 
In un contenitore adatto al microonde montare le uova con lo zucchero fino a crema poi aggiungere il Passito, mescolare e porre il contenitore a cuocere: una volta i microonde erano con le temperature adesso sono tutti con le indicazioni a cristalli liquidi, comunque ognuno conosce il proprio, aggiratevi intorno ai 700 W per 25 secondi, poi mescolate con una frusta, è meglio. Rimettete nel forno e questa volta attenzione, andateci di 20 secondi alla volta e mescolate, poi ancora ma questa volta 15 ed ogni volta vedete che si rapprende sempre più in fretta per cui attenzione. Secondo il vostro forno credo che con 3/4 volte ce dovete fare. La guarnizione è a piacere, è talmente buono che sta bene con tutto dipende dalla stagione…….
Ve lo immaginate d’inverno ad accompagnare una bella fetta di strudel tiepido? Io sì e lo replicherò certamente! A volte lo dico: Benedetto microonde!
 
 
 
 
 

 

2 Comments

Ogni commento é gradito