The Meat Market, carnivori a me!

Cattura-1
In un momento in cui la carne viene bistrattata e anche un pò demonizzata c’è chi ancora ama togliersi la voglia pazza di una bella bistecca o di una fiorentina o magari di un burgher ma vero con carne di prima scelta. 
Voi mi direte: “magari!” 
Già perchè la difficoltà sta proprio nella scelta della carne di qualità, il giusto taglio, adatto ad ogni piatto, la cottura perfetta…insomma sono variabili difficilmente conciliabili. Ebbene se proprio volete togliervi la voglia di carne al The Meat Market troverete il paradiso per i carnivori. 
Nel cuore di Roma a due passi da Castel S’Angelo un locale per stomaci forti! 
Una macelleria con cucina dove è possibile scegliere il taglio di carne preferito proprio al banco tra Chianina, Fassona o Marchigiana!
 Consiglio al locale di cuocere di meno la carne e di evitare di salarla con il sale grosso da cucina. La qualità della carne offerta è talmente buona che non ha bisogno di sale ma per chi lo volesse al tavolo ci dovrebbe essere una piccola porzione di fior di sale ad accompagnare il piatto.
Il tempio della carne offre una curiosità in più: il famoso burgher quello che ci piace tanto alto, con ogni ben di dio dentro, qui da The Meat Market lo puoi personalizzare! 
Con ingredienti di qualità come scamorza affumincata, fiordilatte, mozzarella di bufala, pomodori secchi, guanciale, pancetta arrotolata, n’duja, e poi tutte le verdure come la cicoria, le cime di rapa, le melanzane, le zucchine, i funghi, i peperoni, la cipolla, insalte di ogni tipo e salse come se piovesse: ketchup, maionese, senapi, mostarda, crema di olive, salsa barbecue….avrete l’imbarazzo della scelta per creare il burgher del secolo, il vostro bugher!

 Ogni portata è accompagnata da ottime patatine tagliate sottili con la buccia e cotte alla perfezione, croccanti e pronte per essere tuffate nella vostra salsa preferita!
Ovviamente anche la cottura potrete scegliere: al sangue, media o ben cotta e persino il peso dell’hamburgher è a scelta da 150 g fino a 500 g…e questo vorrei proprio vederlo mangiare!
Per chi volesse tenersi leggero ma con gusto qui potete trovate diverse insalate anzi Special Salad con pollo, manzo, maiale o vegetariane.
Per il dolce finale la scelta è su tre classici: lo strudel di mele, la panna cotta e il tiramisu
Altro consiglio che posso dare è di alleggerire la scelta vista  la tipologia di cucina proposta. Consiglio della frutta o del sorbetto al limone da aggiungere al menu.
Ovviamente birra alla spina, birre artigianali in bottiglia e vini rossi e corposi come il Chianti, il Syrah, il Sangiovese Conte Ferdinando Guicciardini Castello di Poppiano Massi di Mandorlaia e scelta di bianchi, spumante, vin santo e grappe.
Un plauso agli infaticabili ragazzi della piastra

The Meat Market
Corso Vittorio Emanuele II, 320
Tel.  06 93374004

Aperto a pranzo e cena

Ufficio stampa:  Giulia Murdocca
Strategy Manager Digital & Marketing

MG LOGOS SAS
di Stefano Carboni & C.

2 Comments

  1. Io concordo pienamente con te. Oggi è di moda dire "sono vegana" fa tanto INN, in passato era di moda "sono vegetariana" mentre i "macrobiotici" esistevano da tanto tempo ma questo regime è nato per cure particolari e richiedeva e richiede ancora oggi una lunghissima preparazione. Si inizia al mattino o anche la sera prima per avere il pranzo ha bisogno di cotture lunghe e lente ma questa è altra storia. Poi ci sono i fruttariani, i crudisti ed una serie di "sottonarche" dico io come locavori, ecatoriani, flexitariani,ecc. Quelli che mangiano solo al massimo prodotti distanti da loro 100 km (locavori), quelli che mangiano tutto come gli onniveri ma in base all'impatto ambientale (ecotariani), i freegan quelli che usano qualsiasi cosa scaduta fanno il giro dei grandi mercati, ecc. ecc. e poi non saprei come definirli quelli che mangiano solo frutta ma quella che è caduta dall'albero non la strappano loro…. Io rispetto tutti ma che non vengano a dirmi che sono assassina perchè mangio carne e pesce.Anche le piante ecc. sono vive per cui…. E' tutte le regioni italiane che da secoli e secoli vivono e producono animali con allevamente specializzati ecc. se non si mangiasse più tutte queste genti le manterebbero i vegani, vegetariani…vorrei vedere. Come tutte le mode anche queste finiranno o meglio entreranno nell'ombra per il momento ce chi ne approfitta per vendere ed a caro prezzo. Non tollero però che obbloghino i bambini che hanno bisogno di tutto alle loro scelte. Quando saranno grandi decideranno loro cosa vorranno mangiare. Concordo la qualità è l'essenziale. Scusa il lungo commento e ti prego cancellalo se non va bene sarò pienamente d'accordo con te. Un abbraccio e bacione e scusami ancora ma ho il dentino…..bacio

Ogni commento é gradito