Crema di lenticchie profumate al rosmarino con calamaro

PC149490_2_2
Oggi ricorre la Giornata Nazionale delle Lenticchie nel Calendario Italiano del Cibo e a supporto dell’Ambasciatrice Maria Greco Naccaro vorrei proporre una ricetta ottima e delicata:
 Crema di lenticchie profumate al rosmarino con calamaro

Deliziosa ma con contrasti ragionati. 

I calamari ricordano il mare e le lenticchie fanno tanto Natale, un prodotto umile e semplice: il mare e la terra che si incontrano. Due ingredienti così agli antipodi tra loro mi hanno ispirato una minestra! Adoro l’abbinamento pesce e legumi e amo introdurre
contrasti gustativi.  Ho voluto più che una minestra omaggiare il calamaro con una crema. Le lenticchie sono state cotte nel brodo di pollo con l’aggiunta di rosmarino e  verdure tagliate a pezzi. Il calamaro è stato privato della sua pelle e sfilettato. Per contrasto, una piccola dadolata di pancetta.

Crema di lenticchie profumate al rosmarino con calamaro

4 calamari
350 g di lenticchie

2 fette di pancetta
ali di pollo per brodo
1 cipolla, 1 carota, sedano
4 cucchiai di crema di latte
rosmarino
olio extravergine di oliva (Umbria DOP)
per 4 persone

Preparate
il brodo di pollo con acqua, le ali lavate e fiammeggiate, la cipolla
tagliata in quattro pezzi, la carota, il sedano e un poco di sale.
Filtrate il brodo e versatelo in una casseruola che ospiterà anche le
lenticchie precedentemente lavate e scolate. Aggiungete il rosmarino e
fate cuocere le lenticchie per una trentina di minuti. Dopo averle
raffreddate scolatele e versatele in un robot da cucina con un poco di
liquido di cottura . Frullate fino ad ottenere una crema. Passate la
crema di lenticchie attraverso un colino (chinois) per renderla
vellutata. Ora aggiungete la crema di latte e mescolate bene. Cuocete
per poco tempo il calamaro sfilettato e privato della pelle (quindi
tagliato a metà e con il lato della pelle sul tagliere sfilettatelo con
un coltello adatto, lasciando la pelle attaccata al tagliere stesso. In
questo modo il calamaro rimarrà morbissimo) e i suoi tentacoli in una
padella con olio e sale. Tagliate la pancetta in un piccola dadolata e
rosolate in padella. Al momento di servire, assicuratevi che la crema di
lenticchie sia ben calda. Versatela nei piatti da minestra con al
centro il calamaro partendo dal ciuffo di tentacoli ed aggiungendo
qualche straccetto della testa. Cospargete di dadolata di pancetta, un
giro di olio extravergine, un ciuffetto di rosmarino e il piatto è
pronto per essere gustato!

16 Comments

  1. Una ricetta raffinatissima che dimostra ancora una volta che gli opposti si attraggono. Mi piace immensamente, e trovo sia un ottimo modo per aprire il 2016 e inaugurare il Calendario del cibo italiano!
    Buon anno Sabry!

  2. Adoro le vellutate di legumi abbinate al pesce, con una nota salata a fare da contrasto, proprio come la pancetta. Piatto raffinato, perfetto per celebrare questa giornata nel migliore dei modi

  3. un abbinamento non comune per una creazione raffinata e di gran gusto (in tutti i sensi, figurato e non). La foto è bella, "nonostante" sia "passata". Non preoccuparti, questo piatto verrà replicato da molti, me compresa! Un abbraccio e buon 2016:)

  4. Una crema meravigliosa che profuma di rosmarino. Lo amo molto per il suo profumo e per il sapore che conferisce ai piatti. Mi piace anche la filologia del suo nome: Rugiada di mare, forse perchè i suoi fiori sono come gocce d'acqua azzurra ?

Ogni commento é gradito