FLOS OLEI 2016 la guida dell’oro verde

PicMonkeyCollage

Giornata dedicata all’olio extravergine di oliva e la Guida che lo rappresenta in tutto il mondo. 
Flos Olei 2016 
Ancora più accurata, sempre più internazionale, un’opera unica e due curatori Marco Oreggia e Laura Marinelli e un team di esperti assaggiatori.
Tutto questo è stato presentato e celebrato presso il meraviglioso Hotel Westin Excelsior Rome nella prestigiosa Via Veneto.
  
Il
progetto nasce come Concorso Internazionale aperto alle migliori
aziende di produzione olivicola e si sviluppa come Guida dedicata agli
oli extravergine di oliva selezionati  da tutto il mondo, realizzata sia in italiano che in inglese: una vetrina aperta sul mondo oleario che guida e forma all’acquisto e al consumo, pronta ad accogliere altri Paesi.
 
Per la prima volta l’Oscar dell’olio
extravergine esce dall’Italia e viene assegnato alla Spagna con l’etichetta “Selección” di Finca
la Torre come migliore Olio Extravergine dell’Anno. 
Oltre alla premiazione e presentazione dei migliori extravergine, nella magnifica location del Westin Excelsior di Roma, le aziende di eccellenze presenti nella guida, hanno offerto ai partecipanti le degustazioni dei loro prodotti. 
Anche una Master Class di cucina è stata allestita all’interno di una delle sale dell’Excelsior. Qui si sono esibiti chef stellati che hanno esaltato le loro performance con The Best 20, gli extravergini della prestigiosa classifica offerti dalle aziende presenti, scegliendo in base all’aroma percepito, l’extravergine giusto per ogni preparazione.
Insomma un approfondimento didattico sull’utilizzo dell’olio extravergine in cucina utilizzato come ingrediente e non solo come condimento.
Non mi sono persa la master Class del maestro Salvatore Tassa: è sempre un piacere ascoltarlo. 
Apparentemente burbero ma con una conoscenza culinaria internazionale, fatta di consistenze e sapori che mixa sapientemente nei suoi piatti. 
La sua caratteristica è esaltare le qualità di prodotti semplici. 
Fortemente legato al territorio dove lavora, la Ciociaria e precisamente ad Acuto (Frosinone) Le Colline Ciociare, decanta la tranquillità di cui ha bisogno per concentrarsi sui suoi piatti. 
Ha presentato un’originale Gin Tonic di Salmone, un cocktail rivisitato in chiave salata: un filetto di salmone marinato nel gin, erbe e spezie con una spuma di latte di mandorla, pezzetti di arancia e menta fresca.
Subito a seguire la Master Class dello chef Paolo Dalicandro, pilastro della scuola romana A Tavola con lo Chef. Dalicandro ha proposto una “Chitarrina Cacio e Ortica…perchè il pepe è scappato“. Una notevole pasta all’uovo del testimonial “La Pasta di Aldo“, sottilissimi fili di pasta tipo chitarrina che tengono perfettamente la cottura. La curiosità del “…pepe scappato” è stata soddisfatta dal segreto che ci ha rivelato Dalicandro e cioè un’infuso di pepe all’interno dell’acqua di cottura della pasta. Delicatissimo sapore non invadente, che conduce verso sapori più decisi come il pecorino sapientemente fuso e una delicata crema di ortica. Ottimo piatto da rifare assolutamente.

Oltre alla Master Class, Marco Oreggia e Laura Marinelli hanno tenuto degustazioni guidate degli oli della The Best 20. Corso sia avanzato che propedeutico, con forte partecipazione di pubblico.


2 Comments

Ogni commento é gradito