Castagnole con la ricotta

P2030085
Ho la casa invasa dalle ricette. Sono anni che raccolgo ricette, che studio, provo, sperimento. Malgrado le cose negli anni siano cambiate e per certi versi evolute, non riesco ad abbandonare la carta, per cui ho centinaia di ricette di anni e anni di girovagare in rete. Forse sarà perchè ho pochissima memoria, mentre invece ho una spiccata memoria visiva che mi consente di “fotografare” ciò che leggo e di ritrovare ciò che mi ha colpito. E proprio mentre scartabellavo una serie di faldoni, che ho per tenere “in ordine” tutto ciò, che ho ritrovato questa vecchia ma validissima ricetta che riporta la data,  della mia stampa, del 19/1/2004 (pensate un pò..) di Anna Moroni delle Castagnole con la ricotta! Me la ricordavo squisita ma era qualche anno che non la facevo per cui ho deciso di rispolverarla e farle onore quest’anno, cambiando alcune cose. Con sorpresa mi sono trovata una bontà, una morbidezza, un profumo dimenticato.
 

Sarà per via della mia memoria labile o perchè le mie modifiche hanno contribuito a perfezionare ciò che già era ottimo? 😉 Ma perchè domandarselo? Io proporrei solo di chiudere gli occhi e morderne una e lasciare spazio ai sensi…..morbide, molto morbide, profumate con questo spiccato sapore di arancia e un pizzico liquorose….ma perchè invece di fantasticare non le provate? Attenzione però…..ahimè….una tira l’altra!!!
 
Castagnole con la ricotta
 
150 gr. di zucchero
50 gr. di burro morbido (io l’ho reso tale con il microonde quindi più che a temp. ambiente)
300 gr. di ricotta (io ho utilizzato di pecora)
1/2 bicchiere di rum (io ho utilizzato la grappa alla ruta)
la scorza grattugiata di un’arancia (io ho utilizzato la mia scorta di scorza vedi ricetta sotto*)
5 tuorli (le mie uova erano medie)
1 pizzico di sale
400 gr. di farina
100 gr. di fecola
1 bustina di lievito
150 gr. di latte
olio di arachide per friggere
zucchero semolato per decorare
 
In una ciotola mescolare il burro con lo zucchero e aggiungere la ricotta, il rum, la scorza di arancia, i tuorli, il sale, la farina, la fecola, la bustina di lievito e il latte. Mescolare bene gli ingredienti. Ora la ricetta originale diceva di versare l’impasto sulla tavola e di lavorarla come una pasta formando dei gnocchi da tuffare nell’olio caldo. In realtà con le mie modifiche l’impasto è venuto morbido da utilizzare a cucchiaiate: ho reso il burro più morbido di come avrebbe dovuto essere sciogliendolo al microonde e non ho lasciato scolare la ricotta per alcune ore, come consigliava Anna. Poi ho scaldato un tegame con l’olio (gas moderato/alto) portandolo a temperatura (fate la prova con un pizzico di impasto) ed ho versato il composto a cucchiaini abbondanti abbassando la fiamma a moderato/basso, lasciar dorare da tutti i lati e scolare su carta paglia. Un consiglio? Non le fate piccole….abbondate…e vedrete che ne guadagnano in morbidezza! Passare velocemente nello zucchero semolato.
*Volevo farvi vedere cosa uso come aroma all’arancia o al limone: ho la fortuna di poter avere le arance biologiche, conosco la provenienza e il produttore, per cui di loro non butto niente: faccio la spremuta a mio figlio e le scorze le pulisco dai filamenti interni, elimino un poco di parte bianca dentro senza esagerare, le peso e le frullo, riducendole in minuscoli pezzetti, con pari peso di zucchero e invaso. Si mantiene per mesi in frigo ed ogni volta che le ricette recitano “scorza di arancia grattugiata”, io ho la mia in ogni mese dell’anno. La stessa cosa faccio con i limoni facendo però attenzione a togliere meglio la parte bianca per non renderlo troppo amarognolo.
 
 
 
 
 
 

 

21 Comments

  1. Ma che meraviglia, Arriva il profumo. Grazie per la ricetta delle scorzette, anche io ho la fortuna di ricevere frutti biologici e non trattati, quindicinalmente dalla Sicilia tramite il gruppo di acquisto di cui sono socia: preparerò il mio vasetto!

  2. Ho sempre desiderato preparare le Castagnole! Le adoro…! Troppo buone:-)
    Le tue castagnole con la ricotta, sono semplicemente deliziose! Come resistere? :-)))) ♥
    Un abbraccio e… complimenti,Castagnole meravigliosissime !*_*
    Incoronata.

  3. sabry carissima perdona la mia assenza ma ho avuto la bimba con la tonsillite.. mi sono eclissata 10 giorni.. fortuna che adesso è in via di guarigione e sto riprendendo piano piano i contatti con tutti! splendide le tue castagnole alla ricotta.. una prelibatezza e poi che fritto stupendo che hai fatto! complimenti:* ti abbraccio tanto

  4. A mascherina…. io me perdo sempre tutte le cose che mi piacciono di più, come questa. Arrivo sicuramente dopo i fuochi… e qui già vi siete finiti tutto!!! Bella mia, la prossima volta ti avverto prima, tu friggi… io magno! Bacio!!!

Ogni commento é gradito