Quanto ce piace creà!

P4164769-1
E’ incredibile come a noi donne piacciano le cose inutili! Fateci caso: qualsiasi cavolata vediamo “hu, che carino, lo voglio!”…..”Lo voglio”……questo verbo ci appartiene più di ogni altra cosa al mondo e la cosa buffa è vedere la faccia del tuo compagno, marito, fidanzato che dall’alto dell’amore che ti porta, ti guarda con compassione mista all’istinto che Hannibal Lecter aveva nei confronti delle sue vittime…….ma no! Lui è lì vicino a te, a condividere con te questo momento così fondamentale nella vita di una donna, che è l’adorazione per un oggetto totalmente inutile! E come lo volete chiamare questo se non amore! Solo quello che devono passare stì poveri uomini, che cerchiamo di plasmare ogni giorno a nostra immagine e somiglianza mentre loro silenziosamente e mestamente, ma con la forza di un leone, cercano con le unghie e con i denti di rimanere fermi nelle loro convinzioni e nella loro natura bella grezza, minimalista, utile, concreta e soprattutto solitaria!…….’nà parola! Con noi non ci riusciranno mai! Perché la nostra missione è: inutilità, frivolezza, confusione, occupazione totale degli spazi utili, fantasia, immaginazione, frenesia, volubilità, incoerenza…….ha, ha, ha, mi immagino mio fratello quando leggerà questo post! Sobbalzerà sulla sedia dalle risate e soprattutto sarà finalmente, e forse per la prima volta, concorde col mio pensiero! E invece no! Cari uomini! Non vi illudete per ciò che ho scritto, la mia è solo la consapevolezza di una donna che adesso (e non chiedete l’età!!!!!) può guardare “dalla finestra” certe situazioni che le girano intorno e sorriderci. Ma comunque rimango la prima ad adorare le cose inutili ma anche a comprendere e a cercare di non coinvolgere chi ovviamente e per natura non può apprezzare. In poche parole detto con sincerità estrema non chiedo più, compro e basta! Mio marito ogni tanto prova a fare un piccolissimo accenno a ciò che popola la nostra casa, soprattutto quando cerca una cosa………attenzione a questa frase: cerca una cosa…..infatti non ho detto: trova ma cerca! He, he, he, avrete già capito vero? Non trova mai nulla, come tutti gli uomini, però mentre cerca ricomincia il rosario come un’antica litania ed elenca tutto ciò che trova nel suo cammino cose a lui sconosciute come arnesi di un laboratorio di fisica nucleare ma che per me sono importantissime, utilissime e vitali! E dopo il solito scontro verbale totalmente impari, sogna frustato una casetta anche 25 mq ma SUA, solo sua e possibilmente vuota! Eh, lo so, sono consapevole, non credete è per questo che cerco di sopperire con la cucina! Cosa pensavate che la mia passione fosse altruismo puro? No, no, no è convenienza!!!!! Scherzo dai, è bello anche non prendersi tanto sul serio. Questo fa parte della convivenza, ci sono i pro e i contro come in tutte le cose. Quindi, tornando al tema dell’inutilità (però sono così belle!!!) guardate un po’ che ho fatto, anzi dovrei dire cosa ho provato a fare, èssì, perché la passione ce l’ho tutta, la manualità anche ma sono un’autodidatta che si deve inchinare davanti alla bravura di persone come Paola Lazzari o Donatella  e tante altre. Queste uova e cuoricini sono di zucchero (ma non sono da mangiare) e sono semplicissimi da fare il complicato arriva con le decorazioniJ:
1 kg. di zucchero semolato
1 albume di uovo
colorante
Versare lo zucchero in una ciotola, aggiungere l’albume e mescolare con un cucchiaio e poi, per mescolare bene l’albume allo zucchero, lavorare con le mani. Disporre altre 2 o 3 ciotole a seconda dei colori che si vogliono usare e dividere lo zucchero nelle ciotole, aggiungendo per ognuna un colore diverso mescolando bene con le mani per uniformare il colore. Prendere uno stampo per uova piccole o quello che volete voi: per es. uno stampo di silicone per i cioccolatini di diverse forme, insomma in commercio ce ne sono molti, soprattutto in prossimità delle festività come la Pasqua. Io ho adoperato lo stampo ad uovo (visto il periodoJ) e uno stampo di silicone per i cioccolatini a forma di cuoricini. Versare all’interno dello stampo lo zucchero e premere bene, come si fa con la sabbia e le formine dei bimbi e poi con decisione “scaravoltare” sulla leccarda del forno ricoperta di carta forno. Una volta utilizzato tutto lo zucchero, accendere il forno a 100°C e una volta raggiunti inserire la teglia e far cuocere per una decina di minuti. Togliere poi dal forno e cercare di svuotare (poco facendo attenzione a non assottigliarle troppo) le mezze uova con un cucchiaino e rimetterle sulla leccarda questa volta girate con la parte svuotata sulla leccarda e tenerle altri 10 minuti. Quindi farle freddare. Adesso si possono decorare a piacere: con pasta di zucchero colorata, con ghiaccia reale o perline colorate…Far asciugare e indurire bene i decori.

Eccole qui le mie bellissime uova pasquali delle quali mai avrei potuto fare a meno di avere per questa Santa PasquaJ……..e il prossimo anno di cosa non potrò fare a meno?…….
P.S. Un ringraziamento particolare a mio marito che ha pazienza da vendere e che spesso (non so con quanto piacereJ) mi aiuta nelle mie mission impossible in cucina!

Ogni commento é gradito