Zuppa di Fagioli e Baccalà

piattozuppaprimopiano
MTC n. 53 eccomi a te! Pronta al richiamo della giungla ho risposto con la mia Zuppa di Fagioli e Baccalà. Cara Vittoria Traversa del blog La Cucina Piccolina è stata la vincitrice che ha avuto l’onore di proclamare l’agomento di questo mese: Zuppe e Minestroni. Sono stata molto contenta devo dire, il periodo si presta, i primi malanni anche e il dopo feste natalizie ti conciliano proprio per benino a cucinarti un confort food per eccellenza.
Per questa mia proposta ho utilizzato un pò le cose che avevo in casa, a parte il baccalà. Avevo comperato delle bellissime rape fresche con tanto di ciuffo di foglie verdi e avevo i miei amati Fagioli di Borbona, reduci dal clamoroso successo sia per la pubblicazione di una mia intervista ad un produttore su Laziogroumand sia per la mia Giornata Nazionale della Pasta e Fagioli del Calendario del Cibo Italiano promosso dall’AIFB che ha avuto un gran seguito. Mi mancava solo il baccalà. Di solito lo trovo già bagnato pronto per l’uso e per questo piatto ho voluto cuocerlo a bassa temperatura e per l’esattezza in olio cottura.
Ho utilizzato dell’ottimo olio extravergine di oliva dove ho tuffato uno spicchio di aglio poi ho portato a temperatura l’olio fino a 60°C, ho adagiato dentro i pezzetti di baccalà e li ho lasciati immersi fino al raffreddamento della pentola.

 

Zuppa di Fagioli e Baccalà
per 4 persone
Baccalà già ammollato 300 g
Fagioli secchi 150 g
cipolla 1
rape 2
coste di sedano 2
carota 1
aglio 1 spicchio
Brodo vegetale
sedano, carota, cipolla, porro in un tegame con 1 litro di acqua
Mettete a bagno i fagioli per una notte e poi lessateli appena coperti di acqua con una foglia di alloro. Preparate il brodo vegetale con una carota, una costa di sedano mezza cipolla e lo scarto del porro con l’aggiunta di un litro di acqua portate ad ebollizione e poi filtrate. Preparate le verdure per la base della zuppa: sedano, carota e cipolla a dadini fatelo soffriggere con dell’olio extravergine di oliva e uno spicchio di aglio. Aggiungete ora le foglie delle rape tagliuzzate a striscioline, i fagioli (ma lasciatene alcuni per decorare il piatto) e fate insaporire, versate ora il litro di brodo vegetale filtrato e lasciate andare su fuoco basso per circa 40 minuti. Nel frattempo preparate il baccalà. Togliete la pelle e formate dei dadi con la polpa. In un tegamino versate circa 500 ml di olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio e portate alla temperatura di 60 °C. Immergete i dadi di baccalà e lasciateli in cottura (ovviamente a fuoco spento) fino a completo raffreddamento della pentola. Trascorsi i 40 minuti frullate grossolanamente la zuppa. Impiattate versando nella ciotola una porzione di zuppa adagiate sopra i fagioli interi e i dadini di baccalà. Servite caldissima.
Il vantaggio della cottura a bassa temperatura del baccalà? 
Ti si scioglie in bocca!
Provatelo!!!
Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 53

18 Comments

  1. Io la provo preferisco lo stoccafisso meno salato del baccalà ma a casa mia maritozzo solo l'odore..scappa. E chi se ne….io me la faccio. Bacioni e buona fine settimana.

  2. Ho scoperto che fagioli e baccalà stanno benissimo assieme in uno dei miei esperimenti culinari.. che riproporrò presto nel blog. Intanto mi gusto la tua zuppa.. una delizia davvero!!!! :-***

  3. Una zuppa molto aromatica per supportare il baccalà e bilanciare il gusto.
    Una tecnica di cottura moderna per ottenere il massimo del sapore e consistenza del baccalà.
    Sei bravissima, zuppa speciale

Ogni commento é gradito