Pane al cioccolato e nocciole tostate

10656224_562374840554776_254548768_n

 

 

Sono alla terza tappa del Giroloio d’Italia. Contest organizzato dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con l’AIFB. Gli argomenti da toccare con una ricetta rievocativa del tema sono 6: Pane, Pasta, Pesto, Timballi, Scapece e Pani dolci. 
Dopo il Pane, il Timballo, questa volta tocca alla categoria Pani dolci
Mi piace farli, perchè mi piace da morire fare il pane. Addolcirlo e renderlo una piacevole e sana colazione o un dopocena è stato un attimo! Avevo delle ottime nocciole non tostate che aspettavano solo di essere usate e inserite in qualche ricettina. Appena ho letto le specifiche del Contest che citava: “La centralità del pane nella dieta mediterranea è testimoniata anche dalla natura dei dolci più tipici che hanno come elemento di base l’impasto del pane, dolcificato con miele o vino dolce e arricchito con frutta secca e spezie…..” mi si è accesa una lucetta ed ho pensato a frutta secca…..miele….spezie…mmmmm…Ecco! Un filone, un impasto di pane rustico con delle nocciole e…..dai passatemela, del cioccolato gianduia sciolto e mescolato al miele…una delizia!
E pane dolce fu!
Ho scelto le nocciole perchè ho aderito ad un progetto in collaborazione con l’Università della Tuscia “La nocciola fa per me” per rilanciare la competitività del settore produttivo e commerciale della nocciola.
E’ stato uno dei post che ho scritto con più soddisfazione!
Mi sono documentata dopo aver ricevuto l’invito, e subito pronta, con il mio modesto contributo, a valorizzare, attraverso  una campagna di comunicazione sul web e sulla stampa, l’apprezzamento commerciale delle nocciole per il consumo allo stato fresco. Diffonderne le proprietà salutistiche, evidenziando che si tratta di un prodotto adatto a tutti: ricco di grassi insaturi, fibre, minerali e vitamine è stato un atto dovuto! Per questo il suo consumo regolare è generalmente associato alla riduzione della concentrazione di colesterolo nel sangue e a una diminuzione del rischio cardiovascolare.
Vitamina E, vitamina B, magnesio, antiossidanti, sali minerali preziosi… la nocciola è talmente versatile che è utilizzata sia in cucina che il benessere fisico, per la pelle e per rafforzare il cuoio capelluto.

Esistono diverse varietà di nocciola, valide ed apprezzate come la Tonda Gentile delle Langhe, la Tonda di Giffoni e quella che ho utilizzato io la Tonda Romana, la nocciola del Lazio, originaria dell’area viterbese molto pregiata.
Il raccolto di quest’anno ha subito un brutto colpo, come si legge dalle ultime notizie ANSA, le abbondanti piogge di luglio hanno ostacolato l’impollinazione e il freddo di agosto ha impedito la maturazione dei frutti.
Si calcola un calo del 50%, rispetto al 2013 che fu un’annata sorprendente in termini di quantità e di qualità del prodotto.

Una piccola curiosità: da un chilo di nocciole si ricavano circa 42 grammi di prodotto commercializzabile, privo di gusci e impurità.

Pane al cioccolato e nocciole tostate

Farina di farro Filosini (Fano, AQ) 250 gr.
Farina 0 250 gr
Acqua tiepida 150 gr.
Miele millefiori di Montereale (AQ) 60 gr
Olio extravergine di Oliva della Sabina 60 gr.
Latte 50 gr.
Lievito di birra secco 5 gr.
un pizzico di sale
Frutta disidratata (uvetta, mirtilli, ciliege
Nocciole 100 gr
cioccolato gianduia 200 gr.
Miele un cucchiaio

Nella ciotola dell’impastatrice ho messo le farine, l’acqua, il lievito di birra secco e miele ed ho avviato il gancio. Dopo aver lavorato una ventina di minuti ho aggiunto il latte, il sale, l’olio. Ho riavviato il gancio ed ho lasciato girare per altri 20 minuti. Ho coperto con la pellicola l’impasto e l’ho lasciato a temperatura ambiente per 18 ore. Ho raccolto poi l’impasto con le mani delicatamente e l’ho versato sulla spianatoia infarinata cercando di allargarlo con le dita. A questo punto ho aggiunto la frutta disidratata e e impastando con delicatezza l’ho inclusa nell’impasto. Ho sciolto al microonde il cioccolato gianduia in tavoletta ci ho aggiunto il cucchiaio del miele e ho lasciato raffreddare. Ho steso di nuovo, sempre con le mani l’impasto e ci ho versato la cioccolata a mucchietti sparsi sull’impasto per poi spalmarla delicatamente con un cucchiaio. Ho spezzettato grossolanamente le nocciole tostate e le sparse sulla cioccolata.
Ho avvolto, aiutandomi con la spatola, il pane su stesso e l’ho riposto nel suo stampo a cassetta ben imburrato e infarinato e l’ho lasciato riposare fino al raddoppio.
ho poi cotto in forno già a 190°C per 45 minuti. A metà cottura se la superficie è troppo colorata, coprire con carta stagnola e proseguire.

 

Lo sapete che alcune di queste fette le ho tenute in forno a bassa temperatura per farle asciugare e mi sono venute delle fette biscottate farcite…..divine!
Ma il massimo lo ha dato quando ancora era tiepidino e fragrante! 

Con questo pane partecipo al contest
collaborazione con l’AIFB
nella categoria “Pani dolci

 

4 Comments

  1. Ecco.. un pane dolce non l'ho ancora mai fatto.. Mi piace con ciocolato e frutta secca.. Si per dire se è buono dovrei assaggiarlo.. Che aspetti a portarmene un pezzo? ihhihihi un bacione grande

  2. Che bel pane Sabrina! Abbiamo i noccioli in giardino che danno sempre abbondanza di frutti, questa è un'ottima ricetta per smaltirne un po'…prevediamo dunque lo sguscio di almeno 2 kg di nocciole per ricavarne 100 g 🙂
    Dev'essere squisito, complimenti!
    Un abbraccio

Ogni commento é gradito